Seleziona il tuo paese Chiudi

Jan Thöricht

CNC Engineer e IT Specialist presso Hyva Olbersdorf

Jan, quali sono le tue mansioni all’interno di Hyva e da quanto tempo lavori per l’azienda?

Lavoro in Hyva dal 2007. Le mie responsabilità includono la programmazione dei macchinari CNC e la formazione per gli operatori CNC. La mia preoccupazione principale durante i corsi è che i dipendenti comprendano appieno i programmi CNC e siano in grado di programmare i la maggior parte dei controlli in modo autonomo. L’altra attività, di cui mi occupo da un paio di mesi, è il supporto IT. Ho completato con successo un corso di formazione avanzato e ora sono anche responsabile della manutenzione dei sistemi IT, dell’acquisto e dell’installazione di risorse hardware e dell’assistenza di primo livello.

Che cosa di piace di più del tuo nuovo ruolo presso Hyva?

La diversità. Lavorando sia come programmatore CNC, sia come IT Technical Support Engineer, posso dedicarmi alla mia passione, cioè aiutare i colleghi in entrambi i campi: tramite la formazione nella programmazione CNC e fornendo assistenza di primo livello per i loro problemi IT.

In più collaborare con un team IT internazionale è stimolante e sono davvero contento di poter rinfrescare la mia conoscenza della lingua inglese e di lavorare con persone di provenienti da contesti culturali diversi.

Interessante! Da dove provengono i tuoi colleghi del reparto IT?

Beh, ogni tre mesi si svolge una riunione con l’intero team IT. I colleghi provengono da India, Brasile, Italia, Paesi Bassi e Germania.

Wow! In che modo comunicate quando siete sparsi per il mondo?

Utilizziamo diversi mezzi di comunicazione. Gli incontri importanti di solito vengono organizzati tramite video conferenze. Tuttavia, il nostro canale di comunicazione principale è Whatsapp, che è molto più veloce e facile da usare. Lo usiamo principalmente per scambiarci informazioni, ma anche immagini o battute divertenti, un modo simpatico per risollevare l’umore e rafforzare il nostro legame come team. Infine, utilizziamo anche mezzi di comunicazione classici, come telefono ed e-mail.

Durante il tuo periodo di formazione per diventare IT Technical Support Engineer, quale supporto hai ricevuto dall’azienda?

Ne abbiamo parlato in occasione dell’analisi delle mie prestazioni, un appuntamento annuale qui in Hyva. In particolare, ci siamo soffermati sul fatto che in precedenza avevo completato con successo un tirocinio come Business Informatics Assistant e che spesso avevo mostrato una passione per le questioni informatiche. Ho anche espresso il mio spiccato interesse in questo ambito lavorativo. Dopo qualche tempo, mi è stato proposto di iniziare un ulteriore corso di formazione per diventare IT Technical Support Engineer ed ho accettato con piacere. Ho completato correttamente la formazione per la certificazione con un fornitore di servizi esterno. Oltre ai costi del corso, tutte le spese di viaggio e alloggio sono state coperte dall’azienda e le mie ore di lavoro compensate. Anche durante la formazione, i miei colleghi della sede centrale mi mettevano già alla prova. Gradualmente mi hanno fornito credenziali di accesso e attività da svolgere in modo autonomo. Non esiste un reparto IT in loco a Olbersdorf, quindi un fornitore di servizi freelance mi ha insegnato i trucchi del mestiere con un approccio molto pratico. Dopo aver superato gli esami, sarò accolto ufficialmente dal team IT presso la sede centrale di Alphen aan den Rijn. Questo invito mi permetterà di incontrare di persona i membri del team e di osservarli in azione per conoscere meglio le attività e i processi da loro gestiti.

In che modo il tuo ruolo presso Hyva ti permette di crescere?

La fiducia che mi è stata accordata mi ha dato l’opportunità di crescere attraverso le sfide affrontate. Fin dall’inizio, ho potuto eseguire piccole attività correlate ai sistemi IT, come l’installazione dell’impianto telefonico. Quando ho iniziato a lavorare sul serio come IT Technical Support Engineer, mi è stata prospettata l’ipotesi di occuparmi dell’assistenza IT di tutte le nostre sedi tedesche e oggi questo è il mio obiettivo. In più, desidero ampliare le mie conoscenze sulle tecnologie server e di rete tramite altri corsi di formazione.

È il tuo 11° anno di lavoro presso Hyva. Che consiglio daresti a coloro che iniziano oggi la loro esperienza professionale in azienda?

Consiglierei loro di dimostrare passione e volontà di impegnarsi sul lavoro. Per me ha funzionato.

Come ultima domanda, non certo per importanza, vorrei sapere che cosa rende Hyva un’azienda unica, secondo la tua opinione.

La fiducia che viene dimostrata verso i dipendenti. Si tratta di una società internazionale che offre la possibilità di lavorare con persone di culture diverse, un ulteriore elemento positivo secondo me. Mi piace anche la flessibilità e lo spirito imprenditoriale che caratterizzano l’azienda. Hyva non è strutturata in modo rigido ed è dunque possibile prestare attenzione ai desideri dei dipendenti, come ad esempio ferie non pianificate.